Geografia

geografiaLa parte settentrionale dell’isola è prevalentemente montuosa, la parte centrale è verde con piccole valli e la parte meridionale ha una certa vegetazione e pianure coltivabili.
La vasta gamma di flora, combinata con il frequente cambiamento di paesaggio, crea una bellezza unica a Corfù.
Si dice che in tempi preistorici l’isola di Corfù fosse unita con la Grecia continentale e le coste dell’Albania. Una serie di terremoti e valanghe causarono una fenditura, che separo’ l’isola dalla terraferma
Corfu appartiene all’area Adriatico-Ionica e le fortificazioni di roccia sono sedimenti e calcare.
Come tutte le isole ioniche, Corfù soffre di frequenti terremoti, che sono molto distruttivi.
Corfù ha due catene montuose che dividono l’isola in tre parti, .tra queste catene, ci sono piccole valli e pianure.



Sulla parte settentrionale dell’isola c’ è il Monte Pandokrátor, il più alto dell’isola (906 m. ) e i picchi di Arakli (506 m. ), Stravoskiadi (m. 849), Vigla (m. 782) e Tsouka (619 m. ).
La parte centrale dell’isola comprende i picchi di Agioi Deka (580 m.), Stavros (450 m.) e Agios Mathaios.
La parte meridionale è dominata da un basso appennino che termina a capo Lefkimi, la cima più alta e’ “Hlomos”.
Nei tempi antichi, le montagne dell’isola erano ricoperte da foreste che attualmente esistono solo nel nord e non hanno valore per l’economia dell’isola.





Top