Storia

L’isola di Corfù risulta abitata sin dall’ epoca Paleolitica (70.000-40.000 A.C.) Lo testimoniano scoperte nella grotta di Agios Mathaios nella parte sud-orientale dell’isola e la presenza di scavi di insediamenti di epoca Neolitica, e dell’Era del bronzo a Sidari, Afiona ed Ermones.
Questi scavi convalidano la teoria che l’isola era un centro strategico economico-commerciale molto prima della guerra di Troia, e la cultura dell’epoca era un misto tra quella greca e quella italiana.
Intorno al 750 A.C., gli eretrii invasero l’isola e nel 734 A.C. i Corinzi conquistarono Corfù.
Durante il regno del re corinzio Hersikrates, l’isola ha avuto un significativo sviluppo e gli abitanti di Corfu fondarono una colonia sulla vicina isola di Lefkada.

La città era chiamata Hersoupoli e fu fondata sulla penisola di Kanoni. Dopo un po’ il progresso dell’isola infastidi’ il re Kypselos che tento’ di frenarne lo sviluppo.
Il risultato fu determinato dalla vittoria di Corfù contro la flotta di Corinto nel 644 A.C..
Secondo Tucidide, questa fu la prima battaglia navale mai avvenuta tra due città greche.
Durante il periodo successivo, l’isola si sviluppo’ significativamente nelle arti e commercio, come è indicato dalla statua di Menekrates, i templi di Hera e Diana
La città di Corinto e l’isola di Corfù si affrontarono nuovamente nel 435 A.C., nella battaglia navale di Aktio, a causa dell’intervento di Corinto nei problemi della colonia di Epidamno.
Per questa battaglia, il popolo di Corfù non ha esitato a chiedere aiuto agli Ateniesi che erano una minaccia per gli interessi di Corinto. Questa fu un’ulteriore causa della guerra del Peloponneso.

Il popolo di Corfù ha combattuto con gli Ateniesi contro l’imperialismo macedone e sconfisse re Filippo II durante la battaglia di Heronia nel 338 A.C..
Questo periodo è stato seguito da continui attacchi, e l’isola di Corfù fu conquistata dai lacedemoni (303 A.C.), dal tiranno siciliano Agathoklis e poi da suo genero Pirro (295 A.C.).
Sotto il comando di Pirro, il popolo di Corfù ha intrapreso una spedizione in Sicilia
Spossata da guerre costanti, l’isola fu infine conquistata dagli Illiri nel 229 A.C

STORIA MODERNA

Anche se Corfù, sotto l’occupazione inglese, non era controllata dai turchi, il popolo di Corfù offri’ aiuto morale e finanziario alla rivoluzione greca e costantemente ha ricordatoal mondo la richiesta delle isole Ionie di essere riunite con il resto della Grecia.
L’isola di Corfù ha avuto prestigiosi combattenti, il più importante dei quali fu Giovanni Capodistria, il primo governatore della Grecia.
Dopo l’incoronazione del nuovo re di Grecia, le circostanze consentirono al governo greco di ottenere il ritiro inglese, il 15 novembre 1863 e l’Unione delle isole Ionie con lo stato greco fu definitiva 21 maggio 1864.

Durante la prima guerra mondiale, Corfù fornì rifugio per l’esercito italiano, inglese e francese.
La sede del Parlamento di Serbia e l’accordo per l’istituzione di uno stato jugoslavo furono concordate qui. Nel 1923, l’esecuzione del generale italiano Tellini a Corfù ha causato distruzione dell’isola dai bombardamenti italiani.
Durante la seconda guerra mondiale, l’isola è stata bombardata da aerei italiani e tedeschi, un fatto che ha causato gravi distruzioni, non solo nella città di Corfù ma anche nei villaggi


Top