Il periodo russo francese di Corfù

Il 17 ottobre 1797, dopo il trattato di Kamboformio, Corfù divenne parte dello stato francese, e Napoleone giunse sull’isola come un liberatore.
Nella piazza centrale, col sostegno della folla venne bruciato il libro “Limbro d’oro”, insieme al suo contenuto – i nomi e i privilegi dei nobili,- e l’albero della libertà fu piantato come un simbolo.
Durante questo periodo, fu organizzata la pubblica istruzione e furono create una biblioteca e una stamperia.
Tuttavia, la maggior parte delle persone continuava a vivere in povertà, essendo obbligata a pagare delle tasse pesantissimei.
Due anni più tardi, la flotta dell’Alleanza dei turchi, i russi e gli inglesi sconfisse i francesi ad Aboukir e sbarcarono a Corfù.
Ora i Commissari di Corfù erano l’ammiraglio russo Oussakor e Agelos Orios.
Il 21 marzo 1800, a Costantinopoli, fu istituito lo “stato dello Ionio”, rimanendo sotto la supervisione del sultano.
La nuova costituzione ha ristabilito la Chiesa ortodossa dell’isola e il privilegio di amministrazione è stato concesso esclusivamente ai nobili ricchi.
Un anno dopo la firma del trattato di Tilsit, le isole Ionie tornarono ai francesi, il maresciallo Berthieux divenne il commissario di Corfù
Questo fu un periodo di progresso, ci fu uno sviluppo dell’ agricoltura, fu fondata l’Accademia ionica, furono costruite scuole e organizzati i servizi pubblici dell’isola.
Durante questo tempo, gli inglesi occuparono altre isole dello Ionio e, nel 1814, occuparono Corfù.


Top